giovedì, Ottobre 28, 2021
HomeNewsRolex Farr 40 World Championship: da San Francisco al Mondo

Rolex Farr 40 World Championship: da San Francisco al Mondo

A meno di un mese dalle Rolex Boat Series, la flotta Farr 40 torna a San Francisco per l’appuntamento più atteso. Mercoledì pomeriggio (le 21 italiane), nel tratto di mare compreso tra il Bay Bridge e Alcatraz, avrà infatti inizio il Rolex Farr 40 World Championship.

E’ la terza volta che il Mondiale Farr 40 si disputa nella Bay Area. Nel 1999 vinse Samba Pa Ti di John Kilroy. Nel 2004 toccò a Barking Mad di Jim Richardson. Edizioni che hanno fatto la storia del monotipo disegnato da Bruce Farr, perché, a entry list di prim’ordine, hanno associato il campo di regata forse più difficile al mondo.

Ingredienti che si ritrovano anche in questo finale di stagione, affidato all’organizzazione dal San Francisco Yacht Club e al Principal Race Officer Peter “Luigi” Reggio.

Per quanto i pareri siano piuttosto concordi nell’indicare Plenty, vincitore del Farr 40 US Circuit Championship, quale favorito della vigilia, è altrettanto vero che almeno altri cinque-sei team hanno dimostrato di avere la carte in regola per puntare in alto e dare del filo da torcere agli uomini di Alex Roepers e Terry Hutchinson.

Tra questi i già campioni iridati di Flash Gordon 6 (Jahn-Williams) e Transfusion (Belgrano Nettis-Slingsby), la rivelazione di fine stagione Voodo Chile (Hunn-Chapman), Nightshift (McNeil-Horton) e Groovederci (Demourkas-Appleton).

Su tutti, però, i campioni uscenti di Enfant Terrible-Adria Ferries, giunti all’appuntamento iridato sulle ali dei due successi di tappa – Cabrillo Beach e Santa Barbara – ottenuti nel corso del circuito statunitense, chiuso alle spalle del citato Plenty.

Superati i controlli di stazza, l’equipaggio di Alberto Rossi ha dedicato gli ultimi giorni alla messa a punto della barca: “Non sempre, nel corso della stagione, abbiamo raggiunto gli spunti prestazionali dello scorso anno e questo ha condizionato alcune nostre regate – spiega l’armatore anconetano – Per ovviare a questo problema, e trovare una configurazione che ci permetta di essere competitivi al variare della situazione meteo, già a partire dalla precedente trasferta a San Francisco abbiamo deciso di lavorare sulle centrature dell’albero. Devo ammettere che non è stata cosa facile, ma la strada intrapresa è quella giusta e contiamo di sfruttare la giornata di martedì per limare alcuni dettagli e presentarci al massimo della condizione sulla linea di partenza”.

Una riflessione ripresa dal tattico Vasco Vascotto, alla seconda stagione nell’Enfant Terrible Sailing Team: “Sono state giornate molto intense: del resto, se non si vuole lasciare nulla al caso bisogna passare più tempo possibile in acqua. Questo ci è servito anche per migliorare la conoscenza del campo di regata: l’esperienza maturata poche settimane fa in occasione delle Rolex Big Boat Series si è rivelata molto utile. Certe transizioni risultano più chiare, ma resta comunque un tratto di mare particolarmente complicato, sul quale il meteo può cambiare in modo molto repentino e lo studio delle correnti è fondamentale”.

Come anticipato, le regate valide per il Rolex Farr 40 World Championship avranno inizio mercoledì e proseguiranno fino a sabato. La serie, che non prevede scarti, si articolerà su un massimo di dieci prove.

A bordo di Enfant Terrible-Adria Ferries regateranno Alberto Rossi (owner-driver), Vasco Vascotto (tattico), Andrea Caracci (navigatore), Giovanni Cassinari (randista), Claudio Celon (trimmer), Nicholas Dal Ferro (trimmer), Carlo Zermini (freestyler), Daniele Fiaschi (pitman), Roberto Strappati (albero) e Alberto Fantini (comandante-prodiere). L’attività del team, in regata sotto il guidone del New York Yacht Club, è coordinata dal coach Marchino Capitani, incaricato del design vele per conto di North Sails.

RELATED ARTICLES

Most Popular