lunedì, Novembre 29, 2021

L'email "salvatore.carruezzo@email.it" è offline, si prega di usare gli indirizzi: "salvatore.carruezzo@gmail.com e "direttore@ilnautilus.it"

HomeAmbienteGli armatori europei sono favorevoli all'adozione di combustibili puliti ma temono che...

Gli armatori europei sono favorevoli all’adozione di combustibili puliti ma temono che FuelEU possa diventare un’occasione mancata a causa di scappatoie nell’applicazione

L’ECSA sostiene l’obiettivo della proposta FuelEU Maritime di promuovere l’adozione di combustibili più puliti nel trasporto marittimo. Tuttavia, la proposta potrebbe diventare un’occasione mancata. L’utilizzo di documenti per calcolare i risparmi di carbonio che contribuiscono agli obiettivi climatici dell’UE, forniti da soggetti non comunitari potrebbe creare notevoli scappatoie di applicazione.

Rendere i fornitori di carburante dell’UE responsabili del rispetto degli standard sui carburanti eviterebbe queste preoccupazioni e sarebbe coerente con altre proposte del pacchetto “Fit for 55”.

Promuovere la domanda è fondamentale e le entrate dell’ETS dell’UE, i contratti per differenza sul carbonio nell’ambito del fondo per l’innovazione dell’ETS dell’UE e un moltiplicatore più elevato nell’ambito della direttiva sulle energie rinnovabili dovrebbero essere utilizzati per colmare il differenziale di prezzo tra combustibili più puliti e convenzionali .

L’ECSA ha pubblicato oggi il suo position paper sulla proposta FuelEU Maritime.

Gli armatori europei accolgono con favore la maggiore ambizione climatica del pacchetto “Fit for 55”, riconoscendo che la crisi climatica è una delle più grandi sfide umanitarie, economiche e ambientali che le nostre società stanno affrontando.

“Sarebbe preferibile una soluzione internazionale per lo shipping, comunque il trasporto marittimo dovrebbe contribuire per quanto di sua competenza ad affrontare la crisi climatica anche a livello dell’UE. L’ECSA sostiene l’obiettivo della proposta FuelEU Maritime di promuovere la diffusione sul mercato di combustibili più puliti che attualmente non sono accessibili o disponibili in commercio. Tuttavia, la proposta dovrebbe essere più coerente con altre proposte del pacchetto ‘Fit for 55’ e con l’aumento generale delle ambizioni climatiche dell’UE ” ha affermato Claes Berglund, presidente dell’ECSA.

In base all’attuale proposta, l’applicazione delle miscele di biocarburanti acquistate al di fuori dell’UE si baserà solo su documenti cartacei forniti da fornitori di carburante non UE. L’utilizzo di questi documenti per calcolare il risparmio di carbonio che contribuisce agli obiettivi climatici dell’UE può creare scappatoie sostanziali e, in definitiva, un campo minato di applicazione.

“ FuelEU potrebbe diventare un’occasione mancata per l’adozione di combustibili puliti nel settore. Rendere i fornitori di carburante dell’UE responsabili del rispetto delle norme sui carburanti risolverebbe sostanzialmente i problemi di applicazione. Promuovere la domanda è fondamentale e le entrate dell’ETS dell’UE, i contratti per differenza sul carbonio nell’ambito del fondo per l’innovazione ETS dell’UE e un moltiplicatore più elevato nell’ambito della direttiva sulle energie rinnovabili dovrebbero essere utilizzati per colmare il differenziale di prezzo tra combustibili più puliti e convenzionali “, ha affermato Sotiris Raptis, Segretario generale ad interim dell’ECSA.

La flessibilità è benvenuta, ma un nuovo sistema MRV è inutile e oneroso. Infine, le navi non dovrebbero essere penalizzate quando l’alimentazione elettrica onshore non è disponibile nei porti.

Il position paper dell’ECSA sulla Proposta FUEL EU MARITIME è disponibile cliccando qui .

L’Infografica riassuntiva del position paper sulla proposta FuelEu è disponibile cliccando qui .

European shipowners support the uptake of clean fuels but fear FuelEU may become missed opportunity due to enforcement loopholes
19 Oct 2021

ECSA supports the objective of the FuelEU Maritime proposal to foster the uptake of cleaner fuels in shipping. However, the proposal may become a missed opportunity. Using documents provided by non-EU fuel suppliers to calculate carbon savings contributing to the EU’s climate targets may create substantial enforcement loopholes. Making the EU fuel suppliers responsible for meeting the fuel standards will address these concerns and will be consistent with other proposals of the ‘Fit for 55’ package. Fostering demand is key and the EU ETS revenues, the carbon contracts for difference under the EU ETS innovation fund and a higher multiplier under the Renewable Energy Directive should be used to bridge the price differential between cleaner and conventional fuels.

ECSA published today its position paper on the FuelEU Maritime proposal. European shipowners welcome the increased climate ambition of the ‘Fit for 55’ package, recognising that the climate crisis is one of the greatest humanitarian, economic and environmental challenges our societies are facing.

“Even though an international solution for shipping would be preferable, shipping should contribute its fair share to address the climate crisis, at EU level as well. ECSA supports the objective of the FuelEU Maritime proposal to foster the market uptake of cleaner fuels that are currently not affordable or commercially available. However, the proposal should be more consistent with other proposals of the ‘Fit for 55’ package and with the overall increased climate ambition of the EU” said Claes Berglund, ECSA’s President.

Under the current proposal enforcement for biofuel blends purchased outside the EU will rely only on paper documents provided by non-EU fuel suppliers. Using these documents to calculate carbon savings contributing to the EU’s climate targets, may create substantial loopholes and, ultimately, an enforcement minefield.

“FuelEU may become a missed opportunity for the uptake of clean fuels in the sector. Making the EU fuel suppliers responsible for meeting the fuel standards will substantially address the enforcement concerns. Fostering demand is key and the EU ETS revenues, the carbon contracts for difference under the EU ETS innovation fund and a higher multiplier under the Renewable Energy Directive should be used to bridge the price differential between cleaner and conventional fuels” said Sotiris Raptis, ECSA’s acting Secretary General.

Flexibility is welcome but a new MRV system is unnecessary and burdensome. Finally, ships should not be penalised when Onshore Power Supply is not available in ports.

You can read our position paper here.


You can read the summary of our position here.

RELATED ARTICLES

Most Popular