Home » Authority, News, Sud » Porto di Taranto: costituita la Greenmed per il progetto Fresh Port

Porto di Taranto: costituita la Greenmed per il progetto Fresh Port

Nell’ambito del progetto Fresh Port che l’Autorità Portuale di Taranto ha avviato nel 2013 a seguito della sottoscrizione di un protocollo di intesa con la società Greenery Italia srl, si è giunti nel corrente mese di luglio alla costituzione del Consorzio Internazionale Agro Ortofrutticolo – C.I.A.O. Italia – che ha raggruppato i produttori agricoli locali delle Regioni di Puglia, Basilicata e Calabria con un fatturato aggregato di oltre sessanta milioni di Euro.

Nell’ambito della propria mission istituzionale, l’AP aveva infatti individuato, quale partner strategico, il gruppo olandese The Greenery BV – leader mondiale della grande distribuzione organizzata in ambito europeo, presente in oltre 40 Paesi e con un fatturato di circa 1.600.000.000 di Euro – al fine di porre in atto le azioni strategiche di promozione ed internazionalizzazione dello scalo jonico.

A conclusione del citato percorso, in data odierna, si è proceduto alla costituzione di GREENMED Srl, società di commercializzazione dei prodotti ortofrutticoli freschi, costituita dal citato Consorzio C.I.A.O. Italia e da Greenery Italia srl, società italiana facente parte del gruppo olandese The Greenery B.V.. La costituzione è avvenuta anche alla presenza del Presidente di questa AP Prof. Sergio Prete, del Console dei Paesi Bassi di Puglia, Basilicata e Molise Dr. Massimo Salomone, di Mr. Frans Scholts – General Manager Europa Meridionale per la società Olandese The Greenery.

Anche tale obiettivo è stato conseguito grazie all’azione propulsiva dell’Autorità Portuale, validamente supportata, oltre che dalla Regione Puglia, dal Comune di Taranto e dalla Provincia di Matera, anche dall’Ambasciata dei Paesi Bassi e dal Consolato dei Paesi Bassi di Puglia, Basilicata e Molise, che hanno fornito il necessario ponte istituzionale per assicurare il coordinamento dei singoli produttori locali, delle relative associazioni e degli operatori internazionali. Ciò allo scopo di incentivare il traffico di prodotti agroalimentari nel porto di Taranto, l’insediamento e sviluppo di realtà produttive nelle aree del retroporto e di supportare un sistema logistico-intermodale che renda più efficienti le connessioni con le maggiori direttrici nazionali ed internazionali.

Presidente del CdA é stato nominato Mr. Bjarne Thomsen, già General Manager di Greenery Italia Srl. Il Presidente dell’AP si è dichiarato soddisfatto del risultato raggiunto dopo un intenso lavoro di relazioni internazionali e coordinamento locale, consapevole che trattasi di un primo step in quanto il progetto è aperto a tutti coloro che vorranno aderirvi.

Taranto ed il suo porto avviano concretamente una ambiziosa iniziativa di diversificazione delle attività territoriali diventando protagonisti, unitamente a tutti i soggetti e le aree coinvolte, nel settore della trasformazione, commercializzazione e distribuzione dei prodotti agroalimentari. Ora occorre completare la realizzazione di tutte le opere e i servizi utili per il raggiungimento dell’obiettivo di diventare una strategica piattaforma logistica per l’import export.

Leggi anche:

  1. Autorità portuale di Taranto: il progetto Fresh Port parte con Ciao Italia
  2. Porto di Taranto: da domani sarà attivo “Future Port”
  3. Porto di Taranto: approvato il progetto per il dragaggio
  4. Porto di Taranto: approvato il progetto per la piastra logistica
  5. Porto di Taranto: finita la protesta dei lavoratori del Tct

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=23016

Scritto da Redazione su lug 24 2014. Archiviato come Authority, News, Sud. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°1

In questo nuovo numero de Il Nautilus vi proponiamo uno speciale sul porto di Trieste con gli ultimi dati e provvedimenti che riguardano le recenti attività dell’Autorità di sistema. Si parla anche dei porti di Civitavecchia, Ancona, Venezia, Napoli, La Spezia, Genova, Cagliari e Porto Torres. Ma si parla anche dei risultati della manifestazione NauticSud che si è svolta a Napoli e di come vengono smaltiti i rifiuti prodotti dalle navi secondo le ultime direttive internazionali.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab