Home » Cultura, Internazionale, Nautica, News » Assicurazioni marittime e implicazioni da covid-19

Assicurazioni marittime e implicazioni da covid-19

Londra.Fra le tante complicazioni generate dall’emergenza sanitaria, non si possono trascurare le varie implicazioni che si stanno verificando nel campo delle assicurazioni marittime. L’Unione Internazionale delle Assicurazioni Marittime, ultimamente con un proprio comunicato, ha evidenziato che il covid -19 avrà implicazioni sia a breve sia a lungo termine per il mercato assicurativo marittimo e soprattutto le molte questioni che gli assicurati dovranno affrontare.

Restrizioni e modifiche di linee di viaggio, imprese che non riusciranno a ripartire, spostamento delle richieste della catena di approvvigionamento; implicazioni queste che influenzeranno gli assicuratori marittimi a rivedere i loro contratti per adeguarli ai molti regolamenti emanati dai vari Governi per la pandemia e che hanno alterato la domanda dei consumatori variando i fattori operativi di fornitori e delle infrastrutture commerciali.

Molte aziende stanno cercando di rinegoziare i contratti di fornitura o ritardare i pagamenti, i terminal stanno accumulando carichi nei loro magazzini con relativi rischi, le navi e gli equipaggi si trovano oggi ad affrontare sfide del post quarantena, fermi in un porto, cambi di equipaggi e variazione degli itinerari commerciali e/o passeggeri.  Le interruzioni delle linee door to door dei flussi merceologici e delle campagne crocieristiche stanno creando naturalmente effetti – domino e possono in definitiva influenzare una serie di polizze assicurative.

Sicuramente, a breve termine, gli assicuratori dovranno ri-determinare le varie clausole e far fronte alle potenziali  termini di non conformità della polizza sottoscritta prima del covid – 19. Inoltre, lo IUMI prevede un aumento delle insolvenze e dei reclami fraudolenti, ma non l’emissione di nuovi prodotti assicurativi. Poiché si sono verificati delle “falle” nelle catene di approvvigionamento e ritardi della clausola di “just – in –time”, le attività di produzione e acquisto potrebbero interessare un mercato più local, anziché global. Questo causerà un impatto diversificato sul commercio internazionale influenzando i trasporti e l’assicurazione marittima.

Lo IUMI parla di modificare i vari contratti e consiglia gli armatori e noleggiatori di sottoscrivere e/o aggiornare le clausole avvalendosi del supporto elettronico e automatizzato, scritti e intermediati senza un contatto diretto. Tutto questo potrebbe alterare la piazza d’affari londinese e i vari centri assicurativi, siti in tutto il mondo, saranno in grado di competere su un piano più equo.

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Covid-19: Le linee guida dell’International Maritime Organization
  2. AdSP MTS-Covid-19: pronte le linee guida per i lavoratori
  3. Le attività marittime della Ue in una mappa di densità del traffico
  4. Internet delle cose (marittime)
  5. Le regole delle assicurazioni marittime aggiornate

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=76077

Scritto da Abele Carruezzo su giu 10 2020. Archiviato come Cultura, Internazionale, Nautica, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab