peyrani
Home » Italia, News » Regione Toscana: qualità delle acque eccellente secondo Arpat

Regione Toscana: qualità delle acque eccellente secondo Arpat

La Toscana balneare ha potuto contare su un’elevata qualità delle acque nella stagione estiva 2011, anche con miglioramenti sensibili rispetto all’anno scorso. Sono risultate di classe eccellente oltre il 97% delle aree di balneazione lungo tutta la fascia costiera (254 zone su un totale di 262) e nessuna è finita in classe scarsa.

Solo l’1.6% dei campioni è risultato non conforme. Mentre il 60% dei casi di inquinamento registrati sono stati limitati nel tempo, tanto che è stato possibile definirli come inquinamento di breve durata. È in sintesi quanto emerge dai dati sulla balneazione in Toscana elaborati da Arpat.

«I dati di Arpat ci restituiscono senza dubbio un mare di qualità, un risultato che dobbiamo al fatto che ha funzionato bene il coordinamento di tutti i soggetti coinvolti nella tutela delle nostre acque marine – ha commentato l’assessore regionale all’Ambiente Anna Rita Bramerini -.

È dunque importante proseguire su questa strada rafforzando la collaborazione con i Comuni e tutti i soggetti chiamati a intervenire per mantenere, e magari migliorare laddove possibile il livello di qualità».

Salvatore Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Distretto della nautica pugliese a Genova: diminuisce il fatturato ma cresce la qualità
  2. Ispra: nell’Adriatico l’inquinamento limita la qualità ittica
  3. La “Manovra estiva” su Istituti importanti per la tutela delle acque
  4. Toscana: il polo nautico torna a crescere
  5. Regione Lazio: 11 milioni di euro per il ripascimento delle spiagge

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=4837

Scritto da Salvatore Carruezzo su ott 20 2011. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°2

BRINDISI - Lo speciale di questo nuovo numero de Il Nautilus è dedicato al porto di Trieste che, tra cambiamenti già effettuati e progetti con finanziamenti in arrivo, sta mutando la sua fisionomia e crescendo come scalo in Adriatico. Accanto a queste novità sullo scalo ci sono anche quelle che riguardano i porti di Livorno, Porto Torres, Savona, Cagliari, Ancona e Bari. In questo numero troverete anche un’intera pagina dedicata alla fiscalità legata al mondo del diportismo con gli aggiornamenti sulle ultime modifiche alle leggi.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab