Home » Italia, News » IL PORTO DI TARANTO NELLA RETE DI TRASPORTO ITALIANA

IL PORTO DI TARANTO NELLA RETE DI TRASPORTO ITALIANA

Domani la città pugliese ospita il terzo incontro del PON Reti e Mobilità su portualità e logistica con il presidente dell’Autorità portuale Prete, il Rettore del Politecnico di Bari Eugenio Di Sciascio, manager e rappresentanti del mondo accademico.

Taranto è protagonista della terza tappa del tour di incontri promossi dal PON Reti e Mobilità 2007-2013 nei principali porti del Mezzogiorno per confrontarsi sulle strategie di sviluppo della rete di trasporto e del sistema logistico italiano in vista della nuova programmazione europea e delle importanti riforme inerenti il sistema portuale che il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti sta sviluppando per rendere più competitivo il nostro Paese e valorizzare a pieno le potenzialità delle infrastrutture logistiche del Sud Italia.

La conferenza “Portualità e logistica – il Sud si muove, in direzione dello sviluppo” si terrà a Taranto domani 23 ottobre 2014, alle ore 10,30 presso la Saletta della Chiesa nei locali dell’ex caserma Rossarol, sede distaccata dell’Università degli Studi di Bari  e sarà aperta dall’intervento del Presidente dell’Autorità Portuale di Taranto, Sergio Prete.

Dopo la proiezione del documentario “Il viaggio delle merci”, opera filmica sulla portualità del Mezzogiorno che ha raggiunto il record di visualizzazioni su Youtube per un prodotto istituzionale, si aprirà la tavola rotonda alla quale, oltre all’avvocato Prete, parteciperanno Maurizio Dejana, Project Manager Piastra Portuale di Taranto, Alessandro Panaro, Responsabile Ufficio Infrastrutture, Finanza Pubblica e Public Utilities SRM, il responsabile degli interventi portuali del PON Reti e Mobilità, Giovanni Infante,  il Rettore del Politecnico di Bari, Eugenio Di Sciascio e il Direttore del Dipartimento Jonico Bruno Notarnicola.

Il PON Reti e Mobilità, il Programma operativo cofinanziato dall’Unione Europea che è impegnato nella realizzazione di interventi infrastrutturali per rendere la rete di trasporto del Sud Italia sempre più efficiente, sostenibile e intermodale, ha scelto Taranto per questo incontro dedicato alla portualità del Mezzogiorno, in considerazione degli importanti interventi infrastrutturali che si stanno realizzando nel porto pugliese, per migliorare i servizi retroportuali e i sistemi intermodali, rendendo sempre più competitivo il terminal nella prospettiva di un sistema di trasporto euro-mediterraneo.

Anche grazie agli interventi finanziati dal Pon Reti e Mobilità, infatti, e al lavoro portato avanti dall’Autorità Portuale, Taranto si sta affermando sempre di più come un fondamentale nodo intermodale, un sistema logistico efficiente  e strategico per i traffici verso l’Europa Orientale, il Medio Oriente e Suez, in un quadro che con la nuova programmazione europea 2014-2020 attribuirà ancora maggiore centralità alla Puglia come piattaforma logistica e porta dell’Europa verso i mercati internazionali.

Leggi anche:

  1. Minervini domani a Taranto per il sistema logistico del porto
  2. Porto di Taranto: incontro per il Tct
  3. Porto di Taranto: Minervini convoca il tavolo tecnico per domani
  4. Porto di Taranto: finita la protesta dei lavoratori del Tct
  5. Porto di Taranto: i lavoratori occupano sede del Tct

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=24808

Scritto da Redazione su ott 22 2014. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab