Home » Italia, News » Porto di Taranto: il comitato discute del cronoprogramma di Tct

Porto di Taranto: il comitato discute del cronoprogramma di Tct

TARANTO – Il Comitato Portuale, nella odierna seduta ha discusso all’o.d.g. circa l’esito della riunione convocata dal Sottosegretario di Stato Delrio lo scorso 11 marzo, presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, avente, come scopo, di verificare ed eventualmente confermare i cronoprogrammi dei lavori e, conseguentemente, gli impegni della TCT SpA relativi agli investimenti ed al rinnovo della CIGS dei lavoratori.

Nel corso della seduta, il Comitato ha preso atto della concretezza del cronoprogramma complessivo che prevede la fine di tutti i lavori previsti dall’Accordo Generale, alla data del 30 giugno 2016, salvo eventi estranei alla volontà delle Parti e che non possono costituire motivo di responsabilità a loro carico.

Cronoprogrammi, in particolare, quelli relativi alla riqualificazione della banchina e quelli relativi ai dragaggi e vasca di colmata, derivanti da offerte presentate in sede di gara e da contratti stipulati.

Il Comitato ha rilevato, ancora una volta, come a tutt’oggi la totale assenza di un piano di investimenti con i relativi cronoprogrammi da parte della società concessionaria del terminal contenitori, TCT SpA, faccia desumere il disinteresse della stessa ad investire sul porto. Ciò malgrado il 3 settembre 2014, TCT avesse formalmente comunicato all’Autorità Portuale, in considerazione dell’avvenuta consegna dei lavori, di voler accelerare con gli interventi di ristrutturazione di loro spettanza e di voler avviare immediatamente il revamping delle gru, al fine di addivenire al rilancio del terminal nel più breve tempo possibile, predisponendo la quasi immediata sospensione dei traffici. Ad oggi non è stata avviata alcuna attività in tal senso.

Il Comitato, pur prendendo atto delle argomentazioni espresse dall’impresa terminalista durante la riunione di Palazzo Chigi anche con riferimento al complesso iter burocratico, ha chiesto al Presidente di mettere in atto ogni azione utile affinché il prossimo incontro a Roma, previsto per l’ultima settimana del corrente mese di marzo, sia quello definitivo. Ciò per consentire all’Autorità Portuale ed al Comitato medesimo di poter programmare lo sviluppo del porto con o senza TCT SpA.

Gli investimenti pubblici, già avviati, andranno comunque avanti, in quanto rappresentano una garanzia di sviluppo dei traffici containerizzati e renderanno altamente competitivo il terminal.

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=27692

Scritto da su Mar 13 2015. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab