Home » Italia, News » Stretto di Malacca sempre più pericoloso per la navigazione

Stretto di Malacca sempre più pericoloso per la navigazione

BRINDISI – E’ dell’altra domenica la notizia di una collisione tra una petroliera e un’unità militare americana, in navigazione nello Stretto di Malacca, con dieci militari dispersi. Nel commentare la notizia, molti autorevoli media internazionali hanno sostenuto ancora una volta la chiusura dello stretto alle rotte da/per gli oceani Pacifico/Indiano. Si suggerisce ancora una volta una soluzione drastica, convinti di poter evitare così altri sinistri in futuro.

I sinistri hanno una forte probabilità di verificarsi, con un alto rischio nautico, quando il fattore umano, tecnico e ambientale concorre a errori non recuperabili. Dare solo al fattore ambientale tutte le causalità per la verifica del sinistro è superficiale e insufficiente. Lo Stretto di Malacca, uno degli stretti, più stretti al mondo, con un imbuto di circa 1,5 miglia nautiche nei pressi di Singapore, sicuramente è pericoloso alla navigazione, soprattutto quando si affronta con una certa superficialità e routine.

L’anno scorso, le varie Autorità Marittime, dall’Indonesia, Malesia e Singapore, hanno deciso di adottare misure comuni di sicurezza per ridurre i potenziali incidenti. Solo nel 2015 si sono verificati circa sessanta incidenti più o meno gravi. Tutto questo contrasta con la “geografia” dello stretto che lo rende a tal punto cruciale per il commercio mondiale. Infatti, le più grandi economie del mondo, oggi concentrate nella regione Asia – Pacifico, utilizzano il canale per il commercio con il Medio Oriente, con quasi più di 100.000 navi l’anno che lo attraversano. Lo Stretto di Malacca ha inoltre un’importanza strategica per la Cina.

Questo paese è fortemente dipendente dal Medio Oriente per il suo fabbisogno energetico, (25% circa del petrolio passa per il canale). Ogni blocco dello Stretto si tradurrebbe come default energetico per la Cina e tagliata fuori per le materie prime dall’Africa, dove la stessa Cina ha investito miliardi di dollari in progetti minerari e relative infrastrutture. L’Energy Information Administration (EIA), del Dipartimento dell’Energia USA, ha dichiarato che l’eventuale blocco dello stretto costringerebbe quasi la metà della flotta navale mondiale a navigare lungo il periplo dell’arcipelago indonesiano. Per questo si spiega la presenza continua della Settima Flotta americana in queste acque. Gli Stati Uniti, con la presenza della propria flotta, garantiscono anche sicurezza alle alleate Taiwan (contro un’invasione cinese), la Corea del Sud e Giappone (contro l’aggressione della Corea del Nord).

Ricordiamo che per molti anni lo Stretto di Malacca è stato un hub per la pirateria; fenomeno che ancora continua, anche se il numero degli attacchi si è ridotto. Previsioni economiche sui flussi merceologici evidenziano che lo Stretto rimarrà probabilmente il passaggio nautico preferito tra l’oceano Indiano e Pacifico, con aumenti di traffico navale.

 

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Volvo Ocean Race: Dongfeng è entrato nello stretto di Malacca
  2. Volvo Ocean Race: prua a est, destinazione Malacca
  3. Notte europea dei musei in riva allo Stretto
  4. Volvo Ocean Race: Telefónica tiene nella roulette di Malacca
  5. Volvo Ocean Race: verso lo stretto di Malacca, parola d’ordine velocità

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=49079

Scritto da Abele Carruezzo su ago 26 2017. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab