Home » Italia, News, Porti, Trasporti » GENOA BLUE AGREEMENT, accordo per navi più “pulite” – Obiettivo minor impatto ambientale negli scali di Genova e Savona

GENOA BLUE AGREEMENT, accordo per navi più “pulite” – Obiettivo minor impatto ambientale negli scali di Genova e Savona

Le compagnie crocieristiche firmano il patto con la Capitaneria di porto di Genova per ridurre l’impatto delle navi passeggeri sull’ambiente negli scali di Genova e Savona.

Con il “Genoa Blue Agreement” Costa, Msc, Royal Caribbean, Disney cruise line, Majestic cruises, ma anche Fred Olsen e la compagnia Entmv Algerie ferries nel settore traghetti, e Rimorchiatori riuniti del porto di Genova si impegnano a utilizzare sulle proprie navi gasolio con tenore di zolfo non superiore allo 0,10% anche nelle fasi di entrata e uscita dal porto, per 3 miglia, e non solo 2 ore dopo l’ormeggio come già previsto dalle norme.

Un passo volontario verso la sostenibilità. L’accordo, valido fino al 2020, prevede anche che le navi effettuino almeno mensilmente, il monitoraggio delle emissioni di anidride carbonica durante i viaggi che hanno preceduto l’arrivo nei due scali liguri. Rimorchiatori riuniti oltre al protocollo prevede per i propri mezzi in sosta in banchina anche il collegamento all’energia elettrica.

Leggi anche:

  1. MSC CROCIERE FIRMA “GENOA BLUE AGREEMENT” CON CAPITANERIA DI PORTO DI GENOVA PER MIGLIORARE IMPATTO AMBIENTALE SCALO LIGURE
  2. Al Transport Logistic Monaco di Baviera, davanti alla comunità portuale dei Ports of Genoa, firmato agreement con il porto di Shenzhen
  3. Attività portuali ad impatto ambientale controllato e certificato: accordo tra AdSP MAM e DITNE
  4. Toti: “Errore accorpare Savona e Genova. Nel Mezzogiorno scali meno importanti non vengono accorpati”
  5. Autorità portuale di Savona: accordo con Costa per ridurre emissioni delle navi da crociera

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=64403

Scritto da Redazione su lug 15 2019. Archiviato come Italia, News, Porti, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab