Home » News, Regate, Sport » REGATA DI MEZZO SCHIFO: I VINCITORI

REGATA DI MEZZO SCHIFO: I VINCITORI

Quattro prove con vento da est sui 12-15 nodi è il bilancio della terza edizione della Regata di Mezzo Schifo, manifestazione riservata alle Vele latine, disputata lo scorso weekend a Porto Rafael, Palau.

Soddisfazione da parte degli organizzatori, Sporting Club Sardinia, Comune di Palau e Yacht Club Punta Sardegna, ma soprattutto dei partecipanti che hanno trovato due giornate eccezionali con vento sui 12-15 nodi, condizioni davvero perfette per disputare al meglio le regate di questa particolare classe velica, che per le sue caratteristiche soffre sia il vento leggero che il vento forte e che dunque per questa volta ha potuto regatare in modo perfetto, divertendosi.

Una terza edizione che ripaga delle scorse due in cui fu necessario rimandare di quasi un mese per il vento fortissimo avuto nel primo week end programmato. La flotta, composta da Gozzi, gozzetti e velieri, è arrivata non solo da Palau e La Maddalena, ma anche da Olbia, Porto Torres e Stintino, arricchendo sempre di più la partecipazione che trova in questa manifestazione un campo di regata sicuramente suggestivo (tra Porto Rafael, Palau e La Maddalena), uno spirito molto cordiale e un’organizzazione attenta anche agli eventi collaterali, come la cena per gli equipaggi a base di dentice e ricciola.

Quattro le prove corse in totale. Le prime due, disputate sabato, sono state valide anche per il Campionato zonale gestito dall’AIVEL (Associazione Italiana Vele Latine) e dalla III Zona FIV.

Positiva anche l’iniziativa proposta dall’assessore allo sport del Comune di Palau Aldo Pirina, che ha previsto la partecipazione dei giovani velisti di Palau a bordo di alcuni velieri: l’invito è stato esteso infatti ai bambini che nel 2011 hanno preso parte ai corsi iniziazione offerti gratuitamente dal comune di Palau con l’obbiettivo di avvicinare sempre più all’attività velica i giovani e in questo caso facendo conoscere anche la vela tradizionale grazie alle bellissime vele latine presenti.

Come previsto la classifica finale è cambiata rispetto al primo giorno grazie all’inserimento dello scarto della prova peggiore, ma bisogna ammettere che è stata – per tutte e tre le classi – un’edizione molto combattuta, tanto che nella classe Gozzi, Salvatore Padre di Angelo Dettori ha mancato il podio, nonostante gli stessi punti di Vermentino di Vincenzo Barretta, finito invece terzo.

Leone di Gallura di Leo Rossi si è riconfermato primo con tre primi e un secondo, seguito da Mastro d’Ascia Angiulin di Lorenzo Dongu, che se non fosse stato per il “DNF” del primo giorno (saltata una boa) seguito da due secondi e un primo avrebbe forse potuto insidiare maggiormente Leone di Gallura per la vittoria finale. Terzo Vermentino, anche lui penalizzato da un OCS (partenza anticipata) nella regata di esordio e poi riscattato con un secondo, un quarto e un terzo.

Maschijarana del Nauticlub Sottovento Stintino ha vinto nella classe Gozzetti conquistando ben tre vittorie parziali e un secondo. Niña di Lorenzo Dongu vincendo la prima prova e facendo tre secondi successivi è arrivata seconda precedendo Corsaro di Fabrizio Condello.

Vittoria incontrastata invece tra i velieri con il bellissimo Macchiavelli di Vincenzo Ginatempo protagonista di 4 vittorie parziali, seconda Arzalè di Alessandro Bifulco (un secondo e due terzi) e terza Miriella di Andrea Montella.

Foto: Giolai

Leggi anche:

  1. Campionato Italiano Classi Olimpiche: i vincitori
  2. Regata Velica “Sesto Trofeo Sancilio”: premiati i regatanti vincitori
  3. VII Palermo-Montecarlo: i vincitori
  4. Salò Sail Meeting 2011: i vincitori
  5. GENTLEMEN’S CUP 2011: I VINCITORI

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=4902

Scritto da Redazione su ott 24 2011. Archiviato come News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato a Canale Pigonati di Brindisi; la storia, le potenzialità, le attuali richieste per il suo allargamento al fine di agevolare l’entrata nel porto interno delle grandi navi da crociera. Poi articoli sulle Zes, porti di Ancona, Bari, Campania ma anche le professioni del mare, il lavoro portuale nelle sue specificità ed un interessante racconto del porto di Salerno che nel Mediterraneo rappresenta un ponte tra Oriente ed Occidente.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab