Home » News, Regate, Sport » Volvo Ocean Race: anticiclone delle Azzorre, da nord o da sud?

Volvo Ocean Race: anticiclone delle Azzorre, da nord o da sud?

Dopo quasi tre giorni di navigazione in avvicinamento alla meta, l’Europa, tutta la flotta ha strambato e punta oggi le prue verso nord-est, nel tentativo di evitare il sistema di alta pressione e dunque di vento debole che si para davanti ai sei team. Nel duello di testa, le ultime ore hanno dato ragione agli spagnoli di Telefónica che si sono portati al comando e all’ultimo rilevamento hanno un vantaggio di poco più di 10 miglia sugli avversari diretti di Groupama.

I due battistrada tuttavia seguono con apprensione quello che succede alle loro spalle, visto che gli inseguitori sono tutti più veloci. Abu Dhabi resta in terza posizione e PUMA in quarta, mentre CAMPER che è stato il primo a strambare ieri, è quinto ma fa registrare la velocità più alta della flotta. Sanya rincorre ma potrebbe tirare fuori dal cappello qualche sorpresa. La scelta fra passare a nord o a sud dell’anticiclone delle Azzorre sarà decisiva.

Era solo lunedì quando i francesi di Groupama per primi mettevano la prua verso il vecchio continente, mentre i loro rivali continuavano ad andare a nord. Sembrava che i transalpini fossero riusciti a mettere abbastanza acqua fra sé e gli avversari, e invece in due giorni la situazione è cambiata radicalmente, Telefónica  ha preso la testa seppure di poche miglia e ora tutte le barche hanno strambato e fanno rotta nord-est per cercare di aggirare la zona di vento leggero che gli si para davanti. Il primo a prendere la decisione è stato CAMPER, che ieri alle tre ha strambato alla ricerca di una brezza più solida, e oggi anche tutti gli altri hanno preso la medesima decisione.

Gli ultimi sono stati i team che sono posizionati più a est, ovvero i due battistrada Telefónica che ha strambato verso le 7 del mattino di oggi, seguito poco più tardi da Groupama. Secondo Andrew Cape, il navigatore della barca spagnola la situazione che attende i team è davvero complicata, anche perché gli inseguitori hanno un vento più sostenuto e quindi riescono a sviluppare migliori velocità.

Andrew Cape, in un collegamento con Alicante ha detto: “Una meteo strana. C’erano dei buchi di vento, abbiamo navigato bene, fatto un sacco di cambi di vela, ha funzionato, siamo contenti. Abbiamo strambato a nord un po’ prima di Groupama, una quarantina di minuti prima, e quindi siamo più alti. Le barche dietro hanno un po’ più di aria al momento quindi nelle prossime ore dovrebbero camminare bene. Tutta la situazione davanti è complicata, molto complicata.

Domani entreremo in una alta e poi nella bassa successiva, speriamo di passare, sarà interessante. Siamo nel posto che volevamo e speriamo il risultato sia quello che ci aspettiamo, continueremo con il vecchio gioco e staremo a vedere. Al momento abbiamo circa 14 nodi d’aria e presto ci sarà da negoziare un altro fronte.” Cape ha anche spiegato che il processo decisionale a bordo è reso più complesso dalla difficoltà di leggere i bollettini meteo. “Fai un piano, pensi che il tempo sarà in un certo modo, ma poi se non succede quel che pensavi, devi cominciare tutto da capo. Devi continuare a chiederti perché e decidere cosa fare.”

Al momento, il report di mezzogiorno conferma la previsione del navigatore australiano: tutte le barche sono più veloci del leader e, salvo Groupama, hanno accorciato le distanze. Dietro ai due battistrada in terza posizione rimane Abu Dhabi, il cui skipper Ian Walker ha spiegato la situazione in maniera molto lucida: ”Per qualche tempo abbiamo vissuto con la speranza di poter cavalcare l’aria da sud-ovest fino all’alta delle Azzorre, che ci avrebbe portato a Lisbona. Uno scenario perfetto, rotta diretta e andatura larga, evitando il cancello dei ghiacci a nord. Sfortunatamente la realtà è diversa, uno dopo l’altro abbiamo strambato per andare a nord. Davanti a noi c’è una zona di aria leggera da attraversare, un giorno di bolina, temperature più basse e probabilmente qualche giorno in più da passare in mare.

Forse dovremo cercare le termiche nelle nostre sacche… Però, alla fine questa sembrerà una “vera” traversata atlantica. Ho il sospetto che potremo vedere un bel rimescolamento in classifica, grandi guadagni e grandi perdite. Dopo esserci tenuti in buona posizione, il nostro obiettivo è mantenerla, metterci al sicuro rispetto agli altri. Sembrerà ovvio, ma cerchiamo di prendere altezza per attaccare quelli davanti e difenderci da quelli dietro. Non mi sorprenderei più di tanto se la flotta si ricompattasse, a meno che Telefonica o Groupama riescano a passare il buco e ad andare a est. Vedremo… tutto d’un tratto Lisbona sembra molto più lontana rispetto a 24 ore fa.”

In effetti navigare con rotta nord-est aumenta la distanza dalla meta finale, Lisbona ma è un movimento necessario ad evitare la zona di vento leggero che si estende nell’area fra la flotta e l’Europa. La classifica provvisoria della tappa riflette la disposizione della flotta sull’asse est/ovest con Telefónica che è la barca più orientale, seguito da Groupama, Abu Dhabi, PUMA, CAMPER e Sanya, ossia il team più a ovest. I più veloci sono gli uomini di Chris Nicholson, che navigano più a nord e che oggi hanno fatto vedere la migliore progeressione, recuperando ben 23 miglia al leader nelle ultime tre ore, grazie a una velocità media superiore ai 19 nodi.

In sesta posizione rimane Team Sanya, che spera di poter trovare una soluzione nelle prossime ore, come dice il suo timoniere neozelandese Richard Mason: “Anche se la meteo è instabile, ci sono tante opzioni. I team davanti si guardano costantemente alle spalle e giocheranno a coprirsi l’un l’altro. Non si preoccupano di noi, se andiamo in una direzione differente. E questo potrebbe darci qualche opportunità, non verranno di certo a cercarci. Telefónica terrà d’occhio soprattutto Groupama e viceversa e non noi.”

La navigazione della flotta è condizionata da un anticiclone che si estende da ovest a est e che potrebbe dividerla in due. Secondo Gonzalo Infante, responsabile della meteorologia della Volvo Ocean Race, PUMA, CAMPER e Sanya potrebbero continuare a salire a nord e provare a evitare l’alta pressione da quella posizione con vento in poppa, mentre Telefónica, Groupama e Abu Dhabi potrebbero provare la strada a sud, che implicherebbe procedere di bolina. I modelli meteo indicano che, se dovesse prodursi questa separazione, le barche potrebbero navigare lontane ma poi riunirsi nella giornata di lunedì prossimo.

Secondo il report delle ore 12 di oggi, Telefónica ha un vantaggio su Groupama di 10,2 miglia su e di 42 su Abu Dhabi, PUMAè quarto a 60,4 e CAMPER quinto a 64 miglia. Chiude Team Sanya a 102,9 miglia dai leader. Quando si sta entrando nel quarto giorno di regata, la testa della flotta si trova a poco più di 2.350 miglia da Lisbona, dove secondo gli ultimi calcoli e vista la situazione meteo complessa le barche potrebbero giungere il prossimo 31 maggio.

Maggiori informazioni, immagini e notizie sul sito internet ufficiale www.volvooceanrace.com dove è anche possibile seguire l’andamento della flotta con lo strumento della cartografia elettronica aggiornata ogni tre ore, anche in modalità 3D.

Posizioni al rilevamento delle ore 10 GMT (le 12 ora italiana) del 24 maggio:

1. Team Telefónica a 2.352,0 miglia da Lisbona
2. Groupama sailing team, +10,2
3. Abu Dhabi Ocean Racing, +42,0
4. PUMA Ocean Racing powered by BERG, +60,4
5. CAMPER con Emirates Team New Zealand, +64,0
6. Team Sanya, +102,9

Classifica provvisoria Volvo Ocean Race 2011-12 dopo sette prove:

1. Team Telefónica, 165 punti
2. Groupama sailing team, 158
3. CAMPER con Emirates Team New Zealand, 152
4. PUMA Ocean Racing powered by BERG, 151
5. Abu Dhabi Ocean Racing, 74
6. Team Sanya, 27

Foto: H. Hooper

Leggi anche:

  1. Volvo Ocean Race: la scelta delle Bahamas
  2. Volvo Ocean Race: ultime 1000 miglia
  3. Volvo Ocean Race: Groupama e CAMPER riprendono il mare
  4. Volvo Ocean Race: pit-stop anche per Telefonica
  5. Volvo Ocean Race: andare a nord-est per andare a sud

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=9462

Scritto da Redazione su mag 24 2012. Archiviato come News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato ai porti con un focus sulla Via della Seta e sulla via Traiana, il concetto dello IoT-Internet of Things, il contratto di ormeggio e il nuovo concetto di New-Port. Poi una riflessione sul principio di passaggio inoffensivo(riprendendo vicende come quella dell'Aquarius, Open Arms e Sea Watch 3). E ancora, approfondimenti sul potere amministrativo delle AdSP, Mare 2.0 e sulla navigazione delle navi e non delle merci.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab