Home » Europa, News » UE: uso sicuro dei droni

UE: uso sicuro dei droni

BRUXELLES – Che il settore dei “droni”, unitamente alla sua intera filiera, dalla costruzione, assemblaggio, distribuzione, vendita, conduzione e utenza,  stesse andando a gonfie vele era risaputo.

Ma per incrementare lo sviluppo del settore dei droni erano necessarie delle nuove regole, senza scoraggiare gli investimenti a causa di una legislazione troppo severa. Per questo la Commissione UE ai Trasporti, la scorsa settimana, si è interessata al caso approvando una relazione tecnica che ha approfondito le relazioni connesse ai droni, dalla crescita dell’industria di tali aeromobili a pilotaggio remoto, all’importanza di una formazione specifica e delle questioni legate alla privacy.

Infatti, i droni sono utilizzati in molti settori civili, quali l’ambiente, agricoltura e pesca, disastri e catastrofi, controllo delle frontiere, fotografia. I droni (in inglese significa fuco, maschio dell’ape domestica) rappresentano il  10% del mercato dell’aviazione con un fatturato di 15 miliardi di euro all’anno.  “Da un punto di vista commerciale, gli ultimi 15 anni rivelano un settore in grande crescita.

I droni ad utilizzo civile sono utilizzati per controllare i campi, sorvegliare i disastri umanitari, gli incendi boschivi, le linee ferroviarie o ancora nell’industria cinematografica”  ha spiegato la relatrice inglese Jacqueline Foster. “Vogliamo che ci siano scuole di volo appropriate”, ha aggiunto e per quanto riguarda la questione della privacy la relatrice ha ricordato che le legislazioni nazionali e comunitarie sono già presenti.

E per garantire l’uso sicuro dei droni la Commissione, con la relazione approvata,  intende fornire un quadro di regole chiaro senza troppe prescrizioni. Per i deputati UE, i droni devono poter rilevare gli aeromobili che transitano nello stesso spazio aereo, evitando qualsiasi rischio per la sicurezza degli aeromobili con equipaggio.

Le aree densamente popolate o le no-fly zone, come gli aeroporti, le centrali elettriche, gli impianti nucleari e le altre infrastrutture sensibili, dovrebbero anche far parte della legislazione. Il voto finale della risoluzione è previsto nella prossima seduta plenaria.

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Canale di Suez più sicuro
  2. FERRAGOSTO SICURO CON LA GUARDIA COSTIERA DI BRINDISI
  3. Port and Coastal Survey: la Marina pronta a monitorare i fondali con i droni
  4. Mare sicuro 2013: le disposizioni a Brindisi
  5. Capitaneria di porto di Brindisi: Ferragosto sicuro

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=33670

Scritto da Abele Carruezzo su nov 1 2015. Archiviato come Europa, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato ad Assologistica e alle idee per il futuro messe insieme dall’associazione di categoria: le commissioni interne hanno espresso i loro orientamenti in maniera dettagliata e su questo tracciato si disegnano le decisioni future. All’interno di questo numero troverete anche tante informazioni sui porti di Livorno, Piombino, Trieste, Civitavecchia, Venezia e Genova ma anche le direttive internazionali sull’utilizzo di Gnl per uso energetico e la Brexit.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab