Home » Europa, News » UE: uso sicuro dei droni

UE: uso sicuro dei droni

BRUXELLES – Che il settore dei “droni”, unitamente alla sua intera filiera, dalla costruzione, assemblaggio, distribuzione, vendita, conduzione e utenza,  stesse andando a gonfie vele era risaputo.

Ma per incrementare lo sviluppo del settore dei droni erano necessarie delle nuove regole, senza scoraggiare gli investimenti a causa di una legislazione troppo severa. Per questo la Commissione UE ai Trasporti, la scorsa settimana, si è interessata al caso approvando una relazione tecnica che ha approfondito le relazioni connesse ai droni, dalla crescita dell’industria di tali aeromobili a pilotaggio remoto, all’importanza di una formazione specifica e delle questioni legate alla privacy.

Infatti, i droni sono utilizzati in molti settori civili, quali l’ambiente, agricoltura e pesca, disastri e catastrofi, controllo delle frontiere, fotografia. I droni (in inglese significa fuco, maschio dell’ape domestica) rappresentano il  10% del mercato dell’aviazione con un fatturato di 15 miliardi di euro all’anno.  “Da un punto di vista commerciale, gli ultimi 15 anni rivelano un settore in grande crescita.

I droni ad utilizzo civile sono utilizzati per controllare i campi, sorvegliare i disastri umanitari, gli incendi boschivi, le linee ferroviarie o ancora nell’industria cinematografica”  ha spiegato la relatrice inglese Jacqueline Foster. “Vogliamo che ci siano scuole di volo appropriate”, ha aggiunto e per quanto riguarda la questione della privacy la relatrice ha ricordato che le legislazioni nazionali e comunitarie sono già presenti.

E per garantire l’uso sicuro dei droni la Commissione, con la relazione approvata,  intende fornire un quadro di regole chiaro senza troppe prescrizioni. Per i deputati UE, i droni devono poter rilevare gli aeromobili che transitano nello stesso spazio aereo, evitando qualsiasi rischio per la sicurezza degli aeromobili con equipaggio.

Le aree densamente popolate o le no-fly zone, come gli aeroporti, le centrali elettriche, gli impianti nucleari e le altre infrastrutture sensibili, dovrebbero anche far parte della legislazione. Il voto finale della risoluzione è previsto nella prossima seduta plenaria.

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Canale di Suez più sicuro
  2. FERRAGOSTO SICURO CON LA GUARDIA COSTIERA DI BRINDISI
  3. Port and Coastal Survey: la Marina pronta a monitorare i fondali con i droni
  4. Mare sicuro 2013: le disposizioni a Brindisi
  5. Capitaneria di porto di Brindisi: Ferragosto sicuro

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=33670

Scritto da Abele Carruezzo su nov 1 2015. Archiviato come Europa, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato a Canale Pigonati di Brindisi; la storia, le potenzialità, le attuali richieste per il suo allargamento al fine di agevolare l’entrata nel porto interno delle grandi navi da crociera. Poi articoli sulle Zes, porti di Ancona, Bari, Campania ma anche le professioni del mare, il lavoro portuale nelle sue specificità ed un interessante racconto del porto di Salerno che nel Mediterraneo rappresenta un ponte tra Oriente ed Occidente.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab