Home » Internazionale, News, Porti » Da Londra Save Our Seafares

Da Londra Save Our Seafares

Giles Heimann, segretario generale dell’International Maritime Employers, ieri ancora una volta ha sollecitato “who can” a liberare marittimi in ostaggio dei pirati Somali.

Sono 62 i marittimi che hanno pagato con la vita negli ultimi quattro anni, per atti di pirateria nel Golfo di Aden e nell’Oceano Indiano. “Sempre nel corso dei passati quattro anni, oltre 3.500 marittimi sono stati rapiti e tenuti in ostaggio dalle bande armate – spiega Giles Heimann -.

Molti sono rimasti traumatizzati: nel corso della detenzione spesso sono stati utilizzati come scudi umani, oppure costretti a operare la loro nave come nave-madre e punto di partenza per i pirati, in uno stato di profondo stress fisico e soprattutto emotivo”.

Numeri che hanno messo in moto la campagna Sos (Save Our Seafares) per dare grande enfasi alla necessità di combattere la pirateria. Centinaia di questi marittimi, ha proseguito Heimann, sono stati soggetti a torture terrificanti: sono stati appesi alle murate delle navi, chiusi nelle celle frigoriferi; molti sono rimasti traumatizzati e oggi non sono più in grado di tornare al lavoro a bordo delle navi.

Corrispondente da Londra
Em. Carr.

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Dalla Corte dell’Ammiragliato di Londra
  2. Bridge and Navigation Suite for Next-Generation UK Aircraft Carriers
  3. Gli attacchi dei pirati non si fermano: attaccata anche la Bottiglieri
  4. Qui Londra 2012
  5. La “ Mistral Express” riprende il viaggio

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=2027

Scritto da Emanuela Carruezzo su giu 24 2011. Archiviato come Internazionale, News, Porti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato a Canale Pigonati di Brindisi; la storia, le potenzialità, le attuali richieste per il suo allargamento al fine di agevolare l’entrata nel porto interno delle grandi navi da crociera. Poi articoli sulle Zes, porti di Ancona, Bari, Campania ma anche le professioni del mare, il lavoro portuale nelle sue specificità ed un interessante racconto del porto di Salerno che nel Mediterraneo rappresenta un ponte tra Oriente ed Occidente.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab