Home » Authority, News, Nord » Porto di Venezia: aggiudicato il nuovo Piano regolatore del porto

Porto di Venezia: aggiudicato il nuovo Piano regolatore del porto

VENEZIA – Il servizio di redazione del nuovo Piano Regolatore Portuale del Porto di Venezia, strumento tramite il quale si porranno le basi per permettere al Porto di Venezia di rimanere competitivo agli orizzonti 2030 e 2050 di pianificazione infrastrutturale europea, è stato aggiudicato pubblicamente (in via provvisoria) dalla competente Commissione di Gara.

Il servizio di redazione del nuovo Piano Regolatore Portuale, comprensivo della VAS (Valutazione Ambientale Strategica), è stato assegnato al raggruppamento di imprese D’Appolonia S.p.A., MTBS Maritime and Transport Business Solution B.V., ACQUATECNO S.R.L., Studio Paola Viganò e Rina Service S.p.A.

Entro la fine di febbraio verranno eseguiti tutti i passaggi formali per l’aggiudicazione definitiva del bando di gara, aperto ed internazionale, del valore complessivo di 1,5 milioni di euro, che era stato pubblicato dall’Autorità Portuale di Venezia lo scorso mese di settembre.

Tra gli obiettivi del nuovo Piano Regolatore Portuale ci sono:
• favorire un uso portuale sostenibile della laguna anche post MoSE perché incentrato sulla nuova accessibilità nautica per le merci garantita dalla piattaforma d’altura (offshore) connessa a multiterminal a terra lagunari e non, marittimi e di navigazione interna;
• favorire iniziative e investimenti privati coerenti con il piano di sviluppo del territorio, in particolare lungo gli assi dei corridoi Ten-T europei ai quali Venezia fornisce una radice marittima;
• favorire a Porto Marghera il potenziamento e l’insediamento di industrie che importano ed esportano a livello globale e che hanno bisogno della vicinanza a mare;
• razionalizzare il layout complessivo del porto, dei singoli terminal, cargo e passeggeri, e delle loro infrastrutture portuali;
• favorire in un’ottica ambientale e di mercato i collegamenti ferroviari e di navigazione interna con il retroterra;
• valutare sinergie con altri scali come Chioggia, Mantova, Padova o altri per la realizzazione di un sistema logistico portuale integrato, così come indicato dal nuovo Piano Strategico Nazionale della Portualità e della Logistica.

Il nuovo Piano Regolatore Portuale terrà conto anche del nuovo assetto delle Autorità Portuali di Sistema appena varate dal Governo, che vede quella dell’Adriatico settentrionale organizzarsi attorno ai Porti di Venezia e Chioggia secondo il decreto Delrio-Madia.

Leggi anche:

  1. Porto di Venezia: pubblicato il bando per il Piano Regolatore Portuale
  2. Porto di Trieste: concluso l’iter ministeriale per il Piano regolatore
  3. Porto di Trieste: parere favorevole della commissione Via e Vas al Piano regolatore
  4. Porto di Livorno: adottato il nuovo Piano regolatore portuale
  5. Primo passo del nuovo Piano Regolatore dello scalo di Porto Torres

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=35920

Scritto da Redazione su feb 12 2016. Archiviato come Authority, News, Nord. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato ad Assologistica e alle idee per il futuro messe insieme dall’associazione di categoria: le commissioni interne hanno espresso i loro orientamenti in maniera dettagliata e su questo tracciato si disegnano le decisioni future. All’interno di questo numero troverete anche tante informazioni sui porti di Livorno, Piombino, Trieste, Civitavecchia, Venezia e Genova ma anche le direttive internazionali sull’utilizzo di Gnl per uso energetico e la Brexit.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab