Home » News, Regate, Sport » ALCATEL J/70 CUP: atto finale in due tempi per il titolo tricolore

ALCATEL J/70 CUP: atto finale in due tempi per il titolo tricolore

MALCESINE – Trenta equipaggi in rappresentanza di sei Paesi per il debutto dell’Alpen Cup, inedita due manche ‘fragliotta’ riservata al monotipo J/70 di cui il primo atto si consumerà questo fine settimana nelle acque di Malcesine e il successivo a Riva del Garda (9-11 settembre) con un’unica classifica combinata.

Le due regate sono a loro volta inserite nel Campionato nazionale open ALCATEL J/70 CUP, finora scandito dalle tappe di Montecarlo, Sanremo e Porto Cervo e di cui le frazioni gardesane rappresentano le prove decisive per l’assegnazione del titolo tricolore J/70.

Proprio la formula open del campionato italiano riservato alle giovani 7 metri del cantiere Made in USA continua a conquistare numerosi equipaggi stranieri – lo sono circa la metà degli iscritti per l’Alpen Cup –  registrando un alto indice di gradimento anche dalla flotta mitteleuropea che ha sposato con entusiasmo gli ultimi scampoli del circuito: avvincente occasione di incontro e confronto con gli equipaggi mediterranei sul campo di regata ormai brandizzato ‘fabbrica del vento’ e che promette di diventare un must della stagione velica per il monotipo a livello continentale.

Tornando alle regate melsinee, in programma sabato 23 e domenica 24 luglio sotto l’egida organizzativa della Fraglia Vela Malcesine, gli occhi sono tutti puntati sulla giovanissima campionessa europea J/70 Claudia Rossi (tattico Simone Spangaro), armatrice di Petite Terrible – Adria Ferries. Oltreché su Solerio-Cassinari a bordo di L’elagain – Acque Chiare, che nella classifica di campionato vantano la leadership con un buon margine di vantaggio su avversari del calibro di Alberto Rossi al timone di Enfant Terrible e di Carlo Alberini su Calvi Network, marcati da Pensavo Peggio del duo Zavanone-Pacinotti.

Anche sul fronte Corinthian, la falange nostrana ha alcuni begli assi nella manica da sfoderare in quel di Malcesine e Riva: è il caso di Mummy One di Alessio Querin, mattatore dei non professionisti e settimo assoluto nelle gare continentali di Kiel, ma anche del Magie Das Sailing Team (Zampori-Sommariva) e da White Hawk (Gianfranco Noè), rispettivamente quinto e settimo nella classifica provvisoria del circuito ALCATEL J/70 CUP. Per gli stranieri, oltre ai già menzionati teutonici ed elvetici, pronti a scendere in acqua anche i monegaschi, il cui gemellaggio con la flotta italiana è ormai sancito dall’anno scorso; un equipaggio maltese e due team russi.

Short URL: https://www.ilnautilus.it/?p=40143

Scritto da su Lug 19 2016. Archiviato come News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab