peyrani
Home » Internazionale, Marinas, News, Porti » Dimezzati i tempi di scarico nel porto di Liverpool

Dimezzati i tempi di scarico nel porto di Liverpool

Il Porto di Liverpool si è dotato di una gru per lo scarico di lamiere di acciaio e le sue performance sono state evidenziate lo scorso 18 maggio, durante una dimostrazione operativa. La gru, in questione, ha una capacità di 82 tonnellate, e consente di  manovrare una bobina d’acciaio di circa 2, 5 kt  e 0,6 kt in lamiera di acciaio importati dal Brasile. Nonostante il cattivo tempo, la nuova gru ha dimostrato la sua funzionalità  per la prova e la certificazione in tempo reale; ha  movimentato 82 tonnellate  appese al suo gancio e 41 tonnellate in modalità spreader, con risultati temporali dimezzati.

Brian Mc Evoy, general manager del Porto Cargo Terminal di Liverpool, ha dichiarato: “Siamo davvero soddisfatti della capacità di questa Liebherr, nuova gru mobile. Ci sono stati ritardi dovuti alla pioggia e la necessità di mantenere la bobina d’acciaio asciutta, ma abbiamo raggiunto tempi di scarica record per una simile operazione”. David Huck, capo delle operazioni portuali per Peel Ports Mersey, ha aggiunto: “E’chiaro che questa  nuova gru mobile sta già avendo un impatto  molto positivo sull’andamento della gestione delle operazioni portuali di scarico dell’acciaio  da navi che attraccano a Liverpool. Ciò ci renderà capaci di intensificare ulteriormente i nostri servizi attraverso un mix di materie prime tra cui le rinfuse secche, metalli e container movimentati a mezzo bettolina”.

“Questa gru è la prima di una serie prevista per la consegna nel 2011 ed è un’ulteriore prova dell’impegno e della professionalità che i portuali inglesi hanno sempre avuto” ha concluso Huck. Il porto di Liverpool nel 2010 ha avuto una crescita in tutti settori – rinfuse secche, prodotti liquidi, metalli, prodotti forestali e contenitori – e continua a sviluppare ulteriormente la propria offerta di strutture portuali l’integrazione del porto di Liverpool e il Manchester Ship Canal.

Corrispondente da Londra
Em. Carr.

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Governo Italiano naviga nelle acque agitate di Assologistica
  2. Il porto visto da terra
  3. Sistema Telecomunicazioni sul Manchester Ship Canal
  4. Porto di Bari: il nuovo Terminal crociere presentato a Miami
  5. Porto di San Salvo: ricapitalizzazione per lo sviluppo turistico

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=1062

Scritto da Emanuela Carruezzo su mag 23 2011. Archiviato come Internazionale, Marinas, News, Porti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°2

BRINDISI - Lo speciale di questo nuovo numero de Il Nautilus è dedicato al porto di Trieste che, tra cambiamenti già effettuati e progetti con finanziamenti in arrivo, sta mutando la sua fisionomia e crescendo come scalo in Adriatico. Accanto a queste novità sullo scalo ci sono anche quelle che riguardano i porti di Livorno, Porto Torres, Savona, Cagliari, Ancona e Bari. In questo numero troverete anche un’intera pagina dedicata alla fiscalità legata al mondo del diportismo con gli aggiornamenti sulle ultime modifiche alle leggi.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab